Syria ha un crollo emotivo: “Io oggi sto male, piango e non mi vergogno”

Syria

Post su Instagram della cantante Syria che ammette di aver avuto un crollo psicologico durante questo difficile periodo di quarantena.

Il crollo emotivo di Syria

Non si sente più parlare molto di lei, ma Cecilia Syria Cipressi, in arte solo Syria resta una delle cantanti italiane più apprezzate. L’artista torna a far parlare di sé con uno scatto pubblicato sul suo profilo Instagram (vedi qui). La donna si mette a nudo mostrandosi mentre piange. Pare che questi mesi di quarantena abbiano sortito un effetto molto negativo sulla sua persona, causandole degli scompensi emotivi.

“Questo autoscatto non è per esibizionismo, ma per condividere uno stato d’animo, perché probabilmente dal 3 giugno chi vuole raggiungere i propri familiari nel Lazio non potrà. Perché giustamente dobbiamo tenere sotto controllo il livello dei contagi e non possiamo abbassare la guardia!”

Syria

La donna poi aggiunge: “Ma io oggi sto male, piango e non mi vergogno, oggi mi sento fragile, non ho una residenza a Roma, ma a Milano non ho scuse di lavoro per andarci e da figlia piango perché non vedo i miei da tempo, perché il tempo passa, perché devo resistere e mi mancano tantissimo tutti e sono un pò triste!
Non ho contatti ravvicinati neanche con gli amici dal 25 febbraio, mi sento troppo responsabile, ho fatto il siereologico è negativo e tanto dura il tempo che dura e dovrei sistematicamente rifarlo per far si che abbia una validità perche a quanto pare bisogna giustificare il proprio stato di salute ogni settimana”

Grimaldi, Carta e Pausini: l’affetto dei colleghi

La vicinanza dei colleghi dello spettacolo di Syria, però, si fa sentire presto. La prima a far sentire il proprio calore è stata l’apprezzatissima attrice Eva Grimaldi che con un messaggio caloroso ha espresso il proprio affetto a Syria: “Ehi piccola, bisogna essere un po’ più forti. Sai, anch’io ho i miei fratelli nel Veneto e spesso sto come te. Ho pure mia madre (al cimitero) che voglio assolutamente baciare. Quanti sacrifici hanno fatto i nostri genitori… nonni… TANTI. È arrivato il momento che ci dobbiamo armare della sacra pazienza. Quindi FORZA!”.

Anche Marco Carta ha deciso di mandare un messaggio positivo a Syria: “Ceci, è un momento, sei crollata e ci sta. Anzi menomale che sei crollata, così poi vedrai tutto in maniera meno ingigantita. Vedrai che presto tornerà quella fantastica normalità. Ti voglio bene. Ps: sei bella anche quando piangi”.

Laura Pausini, poi, ha deciso di fortificare Syria con un pensiero di solidarietà: “Ceci, forza, è una prova dura ma tu sei forte, manca sempre meno e starai benissimo. Ti voglio bene sempre”.
Syria ha risposto ai colleghi con affetto ringraziandoli uno per uno.