Al Bano Carrisi sulla figlia Ylenia: “Speculazioni squallide. Ora denuncio”

Al Bano Carrisi
Al Bano Carrisi

Al Bano Carrisi è pronto ad adire le vie legali contro chiunque si ostini a spargere voci sulla figlia Ylenia, scomparsa nel lontano 1994

Tutto ha un limite. Al Bano Carrisi grida basta dopo le recenti speculazioni sulla fine di Ylenia, la primogenita nata dalla relazione con Romina Power, e minaccia azioni legali. Per quei pochi che non lo sapessero, nel 1994 la figlia d’arte è sparita nel nulla mentre era in vacanza, senza lasciare traccia (oggi avrebbe 50 anni). Da lì in poi notizie vere, attendibili sul ritrovamento non sono mai venute fuori. Ma nel corso degli anni sono uscite parecchie voci tendenziose sulla giovane, in larghissima parte fake news.

Per tale motivo Al Bano Carrisi è intervenuto in merito, rilasciando una dichiarazione letta da Marco Liorni nella puntata di Italia Sì del 18 giugno 2020. Il cantante di Cellino San Marco chiede, pretende il rispetto: da oggi in poi se qualcuno tirerà in ballo la sua Ylenia, sporgerà denuncia.

Sciacalli sempre in agguato

Come dargli torto. Al Bano Carrisi, dopo un lungo periodo in cui sono uscite a ripetizione fake news sul conto della figlia (senza però mai portare a nulla di concreto), ha rotto il silenzio. In tempi recenti dalla Spagna è, ad esempio, trapelata l’ennesima indiscrezione, secondo la quale Ylenia Carrisi vivrebbe a Santo Domingo.

La continua intromissione di giornalisti e pseudo-giornalisti, desiderosi di ottenere la popolarità ad ogni costo, ha davvero amareggiato l’artista pugliese. Va avanti così da sempre, ha dichiarato, dando loro degli sciacalli. Ci marciano esclusivamente per fare denaro. Così denuncerà chi si azzarderà ancora a tirarlo in ballo, affinché gli sia riconosciuto il diritto all’oblio e la serenità famigliare.

Al Bano Carrisi: speculazioni squallide

E con il commento di Al Bano Carrisi sui rumors riguardanti la figlia Ylenia e le successive indagini, forse viene davvero scritta la parola fine nella caccia allo scoop. Sono passati più di venticinque anni da quella terribile notte di Capodanno, quando i genitori persero definitivamente le tracce della loro ragazza.

Da allora hanno sempre nutrito la speranza di poterla un giorno riabbracciare, desiderio alimentato dalla serie di finte notizie circolate. Varie parti del mondo stanno speculando in maniera squallida su Ylenia – recita la lettera -, tornano a rivangare dettagli, che ben conosce, solamente per audience. Prendono in giro diverse persone. È in attesa di speranze purtroppo ad oggi assenti. Darà violenta battaglia e senza sosta.