Marco Carta fa indignare i fan, ecco perché

Marco Carta, recentemente sorpreso presso la Rinascente di Milano mentre cercava di uscire con sei magliette del valore di 1200 euro alle quali era stato eliminato il dispositivo anti taccheggio, in compagnia di una donna di 53 anni, ha fatto letteralmente indignare i suoi fan. Il cantante, al quale nel corso del processo per direttissima non sono stati convalidati gli arresti domiciliari, ma che resta comunque indagato per furto aggravato, dopo l’episodio è infatti volato a Mykonos dove si è concesso una breve vacanza.

Marco Carta vola a Mykonos dopo il rinvio a giudizio

La fuga sull’isola greca di Marco Carta, infatti, ha provocato le reazioni irritate dei suoi followers. Il cantante ha pubblicato su Instagram un video che lo vede rilassato e sereno a prendere il sole circondato da un panorama paradisiaco, una scelta che non è piaciuta ai suoi fan, i quali, dopo l’episodio alla Rinascente di Milano si aspettavano un atteggiamento più discreto e dispiaciuto da parte del loro beniamino, il quale continua a professare la sua innocenza ed estraneità ai fatti contestati. Tuttavia, la testimonianza di uno degli addetti alla sicurezza dei grandi magazzini potrebbe aggravare la sua posizione. Il Corriere della Sera ha riportato, infatti, le parole dell’uomo che ha dichiarato che Marco Carta e la donna giravano per i vari reparti della Rinascente e una volta raggiunto il camerino “la donna resta fuori e passa le maglie, una per una, al ragazzo all’interno del camerino. Finito di passare gli abiti, la donna dà al ragazzo anche la sua borsa. Il tutto dura qualche minuto”. Successivamente, secondo la sua ricostruzione, il cantante sarebbe uscito dal camerino senza le magliette che “nessuno dei due ha più in mano”. Dunque, occorrerà aspettare il processo di settembre, intanto sono al vaglio degli inquirenti le telecamere per capire l’esatta dinamica dell’episodio e quali sono le responsabilità di Marco Carta.

Comments

comments

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*